Zaffiri termodiffusi, un trattamento trasparente

Zaffiri termodiffusi, un trattamento trasparente

Un colore attraente a cui era difficile resistere e lotti calibrati per misura. Erano gli anni ’80, quando il mercato ha iniziato improvvisamente a offrire quantità considerevoli di zaffiri blu stupefacenti per colore e di tutte le dimensioni. A consentirlo la termodiffusione superficiale dei corindoni, ottenuta con l’utilizzo di ossidi di Titanio, alluminio e ferro mediante riscaldamento. Il prezzo di questi zaffiri era decisamente più basso se confrontato con quello di pietre naturali e così molte imprese hanno scelto di convertirsi all’utilizzo di pietre termo diffuse da vendere o da montare sui gioielli. Inoltre, solo così, si poteva rispondere in modo adeguato alla richiesta sempre crescente del mercato, senza andare in affanno per tempi lunghi e difficoltà di reperire le gemme. 

Vogliamo sottolineare che il trattamento termico o riscaldamento degli zaffiri e dei rubini è una prassi diffusa che non altera la qualità della gemma che vi viene sottoposta. Però il commerciante o il gioielliere o gemmologo è tenuto a dichiarare la natura della pietra e se ha subito il trattamento. La trasparenza verso il cliente finale infatti è premessa indispensabile quando si parla di gemme da investimento o di acquisti importanti. Per questo motivo vi consigliamo sempre di chiedere un certificato gemmologico nel rispetto della normativa. Chi acquista uno zaffiro non trattato è bene che lo sappia e che possa dimostrarlo. 

Quando si parla di zaffiri naturali occorre premettere che il 99% delle gemme viene riscaldato quando è ancora in forma di materiale grezzo mediante un trattamento termico che ne migliora leggermente la colorazione.
Una piccolissima percentuale di pietre però presenta già in natura una colorazione d’eccezione e di conseguenza non necessita neppure di questo diffuso trattamento termico; queste gemme ovviamente sono molto rare e riconoscibili solo da un esperto gemmologo. Se il trattamento c’è stato o no, è individuabile solamente da analisi a microscopio.

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *